Crea un semenzaio con materiali riciclati ed ecosostenibili

Le siepi nell’orto sono degli elementi spesso sottovalutati. Si pensa erroneamente che siano solo degli elementi decorativi, senza una specifica funzione, ma in realtà non è così. In questo articolo scopriremo come l’orto può trarre giovamento dalla presenza di una siepe e quale sono le piante più indicate per realizzarne una.

A che serve una siepe nell’orto?

La principale funzione di una siepe è quella di proteggere l’orto dal vento. Alcune coltivazioni sono particolarmente delicate e senza una protezione potrebbero essere danneggiate dal forte vento. Quando l’orto si sviluppa in altezza o è presente uno steccato, ad esempio per sostenere le piante dei pomodori, una siepe è molto utile per evitare che il vento indebolisca la struttura fino a distruggerla.

Una siepe ha anche la funzione di dividere e delimitare le parcelle dell’orto. Anche l’occhio vuole la sua parte e il nostro orto non fa eccezione. Con una siepe a delimitare le varie zone, l’orto sarà più ordinato e bello da vedere.

Se la siepe viene realizzata con piante commestibili, può diventare parte della coltivazione. Una siepe che produce frutti di bosco, bacche o fiori commestibili è una scelta sempre più apprezzata dagli amanti del giardinaggio.

Un’unica siepe può avere anche più funzioni. Se ad esempio viene realizzata con delle piante aromatiche, può avere la doppia funzione di proteggere l’orto dal vento e rendere disponibili gli aromi da usare in cucina.

Le piante commestibili più indicate per una siepe

Dopo aver capito l’importanza di una siepe nell’orto, passiamo adesso in rassegna le piante commestibili più utilizzate per creare una siepe nell’orto.

  • Rosa canina. È una pianta che produce fiori e frutti commestibili, perfetti per preparare tisane e marmellate.
  • More o rovo comune. I frutti sono molto appetitosi, mentre i fiori attirano gli insetti indispensabili per l’impollinazione delle piante.
  • Rosmarino. È una pianta officinale molto apprezzata in cucina per dare sapore a vari piatti. Non tutti sanno che anche i fiori si possono utilizzare per produrre una particolare marmellata.
  • Lavanda, timo e salvia. Perché non realizzare una siepe in cui si alternano diverse piante aromatiche? Le foglie si possono usare in cucina, mentre le essenze sono impiegate anche per usi curativi.
  • Caprifoglio. I fiori della pianta vanno raccolti e lasciati seccare. Potranno quindi essere utilizzati per preparare delle tisane.
  • Sambuco. Questa pianta può trasformarsi anche in un vero e proprio arbusto che raggiunge dimensioni importanti. Con le bacche si possono confezionare delle marmellate, mentre bacche e fiori insieme si usano per preparare degli sciroppi. I fiori che non si sono ancora schiusi sono ottimi per realizzare delle squisite frittelle dolci e il procedimento è semplicissimo: basta immergerli nella pastella, friggerli e servirli.
  • Lemongrass. Le foglie possono essere usate per preparare delle tisane. Inoltre il lemongrass è ottimo da interporre tra una pianta e l’altra.

Avete ancora dei dubbi sull’utilità delle siepi nell’orto? Nella maggior parte dei casi si tratta di un elemento non indispensabile all’interno di un orto, ma averne una contribuisce di certo a rendere il giardino può piacevole alla vista, ma anche più funzionale, soprattutto quando è realizzata con piante commestibili.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *